Tutte le redazioni locali hanno ricevuto un inquietante e misterioso comunicato che annunciava la papabile presenza di un predatore mai visto nelle acque del lago di Garda, in prossimità di Desenzano. Alla nota sono state allegate delle fotografie: se ben ingrandite mostrano diversi fogli di carta a cui mancano dei ‘pezzi’ agli angoli, come fossero stati strappati. Dello squalo non v’è traccia, degli sconti in arrivo a quanto pare sì: dai pezzetti di carta si possono intravedere delle cifre, si legge un 30% ma anche un 50, fino a un 70. Una campagna pubblicitaria coi fiocchi, in perfetto stile ‘viral’, come piace chiamarlo oggi. Per fortuna, o purtroppo, gli squali stanno solo in acqua salata.

Di seguito il comunicato completo

Scrivere un comunicato stampa è un’arte e si dovrebbe affinare la loro abilità di scrivere un comunicato stampa interessante e di fatto. Il titolo dovrebbe essere scritto in grassetto e dovrebbe essere in grado di attirare l’attenzione. Il corpo della tua copia deve avere la data e la città da cui hai rilasciato il rapporto. La prima frase dovrebbe essere in grado di riassumere l’oggetto del rilascio in un formato conciso. Il resto della storia dovrebbe raccontare la storia in grande dettaglio.

Si consiglia di leggere questo incredibile comunicato stampa su un prodotto che aiuta a trattare l’infezione urinaria. Quando si visita questo sito il corpo della storia dovrebbe essere in grado chi, il cosa, il quando, il perché e il come della storia.

Desenzano del Garda e la zona sud-ovest del lago sono centro in questi giorni di una vicenda misteriosa. Concomitanti ritrovamenti di oggetti morsicati sono avvenuti in diverse zone frequentate da turisti e cittadini: minimo comune denominatore fra tutti gli elementi, quello che parrebbe essere un morso di squalo, visti i segni dentati e gli squarci simili che presentano i reperti.

Sulla banchina del Porto di Desenzano sono comparsi cartelli e volantini, mentre lungo le rive verso Padenghe e Rivoltella, tra bicchieri, bottiglie e lattine sulle spiagge sono apparsi altri cartellini, sacchetti e giornalini squarciati.

Nei luoghi incriminati, i passanti hanno assistito a surreali scene in stile C.S.I., la serie tv americana dove le prove del crimine sono raccolte con numeri identificativi: nella fattispecie, i cartelli numerati sono stati messi ad evidenziare la comunanza dei morsi tra tutti gli oggetti ritrovati e sottolinearne la numerosità.

Qualcosa di anomalo e bizzarro sta accadendo nella zona di Desenzano. Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi per capire di cosa si tratta.